Il teatro diventato rifugio per gli sfollati della guerra

0
73

Nella città di Mariupol ridotta in macerie, anche il prestigioso teatro filarmonico accoglie gli sfollati. “Siamo qui da un mese e finché c’erano i militari ce la facevamo”, racconta una donna. Nella struttura, che porta il nome del celebre compositore russo Aleksandr Sergeevic Puskin, ci sono anziani invalidi e non c’è da mangiare. “Per ora andiamo avanti, ma non sappiamo per quanto resisteremo”.

Se vuoi sostenere tell, inviaci una donazione o scrivici a info@tellonline.it per la tua pubblicità sul nostro sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here