Fonte foto: Facebook

È stata pubblicata nella tarda serata di ieri l’ultima ordinanza anti Covid della Regione Campania. Si bloccano gli spostamenti interprovinciali. Il provvedimento, poi, condiziona l’apertura da lunedì delle scuole elementari (annunciata ieri dal presidente Vincenzo De Luca) a una valutazione della situazione dei contagi da parte dell’Unita di crisi regionale. Il comune di Arzano, per cui già era in corso un mini-lockdown, diventa zona rossa.

Scuola

Le attività didattiche in presenza nelle scuole primarie e secondarie continuano ad essere sospese fino al 30 ottobre. In presenza potranno essere svolte solo le attività per gli alunni disabili. La riapertura da lunedì delle scuole primarie, annunciata ieri Da De Luca, sarà condizionata alla situazione dei contagi nelle scuole. “È dato mandato – recita l’ordinanza – all’Unità di crisi regionale del costante monitoraggio e valutazione della situazione dei contagi sviluppatisi sul territorio in ambito scolastico e dei relativi casi connessi a ‘contatti stretti’ al fine dell’eventuale riapertura della attività in presenza della scuola primaria a decorrere dal 26 ottobre 2020”.

Divieto di spostamenti interprovinciali

Fino al 30 ottobre, a partire da venerdì, non sarà consentito spostarsi nelle province della Campania diverse da quella di residenza o domicilio abituale. Gli spostamenti saranno permessi (con autocertificazione) solo per motivi di salute, comprovati motivi di lavoro, comprovati motivi di natura familiare, per motivi scolastici e per altri motivi di urgente necessità.

Zona rossa ad Arzano

L’impennata dei contagi da Covid aveva già reso necessario un mini-lockdown nel comune di Arzano, ora, con l’ordinanza sottoscritta ieri da De Luca, il comune diventa zona rossa. Da oggi e fino al 30 ottobre, quindi, non è possibile entrare e uscire dal territorio. Sono sospese le attività commerciali e produttive, non quelle essenziali che garantiscono beni di prima necessità e servizi alla persona. Sospesa anche la ristorazione, che potrà proseguire solo con la consegna a domicilio. Sono sospese le attività degli uffici pubblici, ad eccezione di quelle che garantiscono servizi essenziali. Chiuse le strade secondarie. Dal territorio non sarà possibile uscire nemmeno per lavoro, gli spostamenti dal comune di Arzano saranno possibili solo a operatori sanitari e ai lavoratori impegnati nei controlli e nell’assistenza alle attività relative all’emergenza, oltre che a coloro che devono esercitare le attività consentite nel comune e quelle ad essa connesse.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here