Fonte foto: Facebook

Dopo il dpcm di Conte, De Luca firma una nuova ordinanza. Diversamente da quanto disposto a livello nazionale, conferma il divieto di asporto per bar e ristoranti, a partire dalle 22,30. Sono esclusi dal divieto gli esercizi di ristorazione che ordinariamente svolgono attività di asporto con consegna all’utenza in auto. Resta consentita la consegna a domicilio, “con possibilità di disporre la partenza dell’ultima consegna fino alle 23”.

La didattica continuerà ad essere a distanza per le scuole, anche elementari, eccetto quelle dell’infanzia. Resta fermo il divieto di mobilità interprovinciale, se non quando strettamente necessario.

Confermato il coprifuoco, quindi permane l’obbligo di rientro a casa entro le ore 23, secondo quanto recentemente disposto d’intesa con il Ministro della Salute.

L’attività di jogging, quando svolta in parchi pubblici, nei centri storici e in altri luoghi non isolati, è permessa solo al mattino presto, dalle 6,00 alle 8,30.
Le disposizioni hanno efficacia fino al 31 ottobre. “È stato dato mandato – poi si comunica – – all’Unita di Crisi di valutare, insieme all’Anci, entro il 28 ottobre prossimo, le determinazioni eventualmente necessarie in vista della commemorazione dei defunti (1 e 2 novembre)”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here