Fonte foto: Pikist
In Campania ritorna l’obbligo di mascherine all’aperto. Il governatore Vincenzo De Luca ha sottoscritto un’ordinanza che lo impone fino al prossimo 4 ottobre. “Occorre ripristinare immediatamente comportamenti responsabili, a maggior ragione con l’apertura delle scuole. Se vogliamo evitare chiusure generalizzate è necessario il massimo rigore”, sollecita De Luca.
I dati dei contagi in Campania sono i più preoccupanti. A fronte del minor numero di tamponi rispetto a quelli esaminati in altre regioni come la Lombardia, il numero dei positivi continua a restare uno dei più alti. Secondo i dati resi noti oggi dalla Regione Campania, su 6.027 test 195 sono i positivi. Ieri erano 248 su 4.901 tamponi, mentre la Lombardia faceva registrare 196 positivi su 22805 tamponi effettuati.
In considerazione del numero elevato di casi che si continua a registrare, si è ritenuto necessario imporre la mascherina all’aperto durante tutta la giornata, a prescindere dalle distanze interpersonali, “fatte salve – si specifica – le previsioni degli specifici protocolli di settore vigenti (ad esempio per le attività di ristorazione, bar, sport all’aperto)”. “L’obbligo – si precisa – rimane escluso per i bambini al di sotto dei sei anni, per i portatori di patologie incompatibili con l’uso della mascherina e durante l’esercizio in forma individuale di attività motoria e/o sportiva”.
Sul territorio campano, poi, un altro provvedimento anti-covid è stato preso dal sindaco di Benevento, Clemente Mastella, che ha ordinato la chiusura di locali all’una di notte nei weekend e a mezzanotte nei giorni restanti della settimana, “alla luce – si legge nella nota del Comune – della recrudescenza nella diffusione del Covid-19 e del fatto che il fenomeno degli assembramenti si presenta con particolare evidenza nei luoghi, nei giorni e negli orari della cosiddetta movida”. La misura si rivolge “ai titolari di esercizi pubblici e commerciali, anche di natura temporanea e ambulante, ai titolari di attività artigianali con vendita di alimenti, ai circoli privati e agli organizzatori di manifestazioni in luogo pubblico”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here