Circa 3.000 piante recuperate su terreni confiscati alla camorra sulle colline sessane e sedicine, nel Casertano. E ora nasce anche il frantoio.

Si inaugura domani 15 Ottobre, ore 16.00, il frantoio Nata Terra, in località Valle del Garigliano, Cellole, Caserta. L’inaugurazione è una tappa del percorso di recupero di uliveti tra Cellole e Sessa Aurunca che la cooperativa sociale Osiride sta portando avanti con i finanziamenti di Fondazione Con il Sud e Fondazione Peppino Vismara.

Il progetto di agricoltura sociale produce occupazione e rigenera terre incolte ed abbondonate. “Al progetto lavorano anche giovani, come l’agricoltore tutor che ha 34 anni e un ragazzo migrante del Mali, di 27 anni. Il nostro obiettivo è sottrarre all’abbandono gli uliveti del nostro territorio, produrre un olio di qualità che esprima la storia di un impegno civile che portiamo avanti con determinazione. Nata Terra è un marchio che rappresenta un altro modo di intendere l’agricoltura: un’agricoltura inclusiva, sostenibile, sociale” , dichiara Ciro Maisto, presidente della cooperativa sociale Osiride, nella rete di Confcooperative Federsolidarietà Campania.

L’evento di inaugurazione del frantoio – comunica l’organizzazione – è organizzato nel rispetto delle disposizioni anti-contagio da Covid-19 e bisogna prenotarsi inviando un messaggio al numero 348 41 96 798. Già da ora è possibile prenotare l’olio nuovo navigando sul sito www.nataterra.it.

Fonte: comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here