Fonte foto: governo.it

Divieto di feste. Chiusura di bar e ristoranti a mezzanotte. Stop a sport amatoriali “di contatto”. Massimo 30 invitati a matrimoni e comunioni. E in casa sono raccomandati non più di 6 ospiti. Sono queste alcune delle misure disposte dal Dpcm firmato la notte scorsa dal presidente del consiglio Giuseppe Conte.  Il provvedimento entrerà in vigore domani e sarà valido fino al 13 novembre.

Per evitare assembramenti, è stato stabilito il divieto di sostare a partire dalle 21 davanti a bar e ristoranti, sui quali il Governo è intervenuto imponendone la chiusura a mezzanotte e  prevedendo che dalle 21 potranno proseguire il servizio ai tavoli solo per i clienti seduti.

Non sarà possibile tenere feste, sia all’aperto che al chiuso. Alle cerimonie come battesimi, comunioni e matrimoni, non potranno partecipare più di 30 invitati. E nelle proprie abitazioni si “raccomanda” di non invitare più di 6 persone non conviventi.

Sospeso lo sport amatoriale “di contatto”. Può invece proseguire quello agonistico. Nessuno stop per le palestre. Gli stadi possono riaprire al pubblico per una capienza massima del 15% dei posti a sedere, con un limite massimo di 1.000 persone all’aperto e 200 al chiuso.

Potranno essere massimo 200 al chiuso e 1.000 all’aperto anche gli spettatori degli spettacoli. Sono vietate le gite scolastiche. Confermati gli obblighi che riguardano le mascherine e il distanziamento interpersonale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here